Perchè “aprire un conto” alla BdT?

Perchè aprire un contoCi sono molti buoni motivi per iscriversi ad una Banca del Tempo.

Aiuta a rendere il tempo meno tiranno e a farlo fruttare in un modo diverso da quello stabilito dalle regole del mercato, secondo le quali il tempo è denaro ed è diverso il prezzo che si paga e si riscuote per le varie prestazioni. Nella Banca del Tempo il valore delle attività scambiate corrisponde unicamente alle ore impiegate per realizzarle e la regola è coniugare l’utilità con il piacere.
Ci può essere qualcuno a cui piace fare qualcosa che per altre persone rappresenta uno spiacevole dovere. Tu magari detesti stirare, mentre ti diverti a potare le piante o a preparare una bella torta. Quando vai a fare la spesa non prende molto tempo in più aggiungere alla tua lista qualcosa che serve a chi non può muoversi di casa, ottenendo in cambio, per esempio, che il tuo gatto sia accudito mentre tu ti concedi una piccola vacanza. Hai “le mani d’oro”, sai fare quei piccoli lavori di riparazione in casa che mettono molti altri in crisi? Sei fortunato, potrai spendere la tua abilità per “acquistare” tanti preziosi servizi che possono rendere più facile e più divertente la tua vita. Puoi avere in cambio qualcosa di utile, come contare sull’aiuto di qualcuno per far superare a tuo figlio lo scoglio di una materia scolastica particolarmente ostica per lui, o anche di deliziosamente superfluo, come un massaggio rilassante, un piatto esotico cucinato ad arte con cui stupire gli amici invitati a cena. Gli esempi potrebbero continuare, se non proprio all’infinito, certo molto a lungo.
Non è difficile immaginare l’ampia gamma di possibilità di scambi che si apre grazie ad una organizzazione di intermediazione che permette scambi indiretti, sulla base della reciprocità ma non solo della bilateralità come nel baratto, e differiti nel tempo, poiché si da quando si può e si riceve quando si vuole. L’elasticità che consente a ciascuno di sentirsi libero, presenta certo l’inconveniente di non permettere sempre di soddisfare specifiche esigenze nel momento in cui si manifestano. E’ un rischio che va considerato nell’aprire un conto alla Banca del Tempo, che in linea di massima costituisce un buon investimento nel medio periodo, ma che può lasciare “scoperti” in qualche circostanza in cui si avrebbe bisogno di “riscuotere” immediatamente.

Se il “just in time” non è esattamente il punto di forza delle Banche del Tempo, farne parte costituisce nondimeno una risorsa preziosa per affrontare in modo meno affannoso le tante incombenze della vita quotidiana e per non avere sempre il “conto in rosso”, nella difficile quadratura tra gli orari del lavoro retribuito, le esigenze legate all’organizzazione familiare, la giusta aspirazione ad avere un po’ di tempo a disposizione da dedicare ad attività piacevoli e alle relazioni sociali. Anche su quest’ultimo versante la banca del tempo offre molte opportunità. Si può fare insieme ad altri ciò che ci piace: andare al cinema o a teatro , riscoprire le bellezze della città, fare una gita, giocare a carte e così via. Si offrono e contemporaneamente si ricevono ore di compagnia, trovando persone che hanno i nostri stessi gusti, che magari abitano a poca distanza da casa nostra, ma che non avremmo probabilmente mai avuto modo di conoscere se non fossimo diventati “correntisti”.

Lascia un commento